Bioelettrografia

La tecnica EPI/GDV rientra nell’ambito della BIOELETTROGRAFIA

La scoperta dell’alone luminoso intorno ad un oggetto esposto ad un campo elettrico risale a circa 250 anni fa.

LICHTENBERG (fisico, fine ‘700): notò che quando un oggetto qualsiasi veniva collocato in un campo elettrico, sviluppava un alone luminoso.

figura di Lichtenberg originale
figura di Lichtenberg originale

 

Le immagini stampate su un piatto coperto di polvere di carbone sono note come “figure di lichtenberg”

 

 

 

 

 

 

NAVRATIL (fisico, fine ‘800): continua gli studi e conia il termine “elettrofotografia” per descrivere queste immagini.

TESLA (fisico, fine ‘800-inizio ‘900): sviluppa bobine che generano alte tensioni, dimostrando, fra le altre cose, che una corrente ad alta tensione è innocua per la vita.

Torre di Tesla
Torre di Tesla

Egli si illuminava sul palco esponendosi ad un circuito elettrico ad alta frequenza.

Nel XX secolo diversi studiosi si occupano del fenomeno, e alcuni sviluppano dispositivi per fare analisi energetica.

N.YODKO: Russia, fine ‘800; riesce a fare più di 1500 foto di tanti oggetti, comprese le dita umane, e fa anche ricerche con la elettricità applicata in agricoltura e in medicina, ricevendo numerosi riconoscimenti e curando anche moltissime malattie nella sua clinica costruita nelle sue proprietà. Come tanti altri geni, alla sua morte è stato praticamente dimenticato.

Padre LANDEL DE MORUA: Brasile, fine ‘800; fa gli stessi studi di Yodko, senza che i due si conoscessero, ma Padre Landel ebbe molta meno fortuna.

I CONIUGI KIRLIAN: Russia; dal 1934, passano gran parte della loro esistenza a studiare questo fenomeno, e nasce la “fotografia Kirlian”.

KONIKIEWICZ: americano; fine anni ’70 sperimenta in  modo più scientifico, e trae correlazioni tra variazioni della luminosità delle emissioni e stato di salute/malattia, influenza di farmaci e altre sostanze.

La validazione scientifica della foto Kirlian, però, non c’è stata fino all’avvento del prof Koroktov, sia perché il tipo di materiale usato per le foto variava da ricercatore a ricercatore, sia perché non era facile controllare la vasta gamma di parametri necessari per validare il metodo, sia perché mancavano esperimenti secondo i rigidi criteri scientifici richiesti dagli organismi di controllo.

Il professor K. KOROTKOV, padre dell’ultimo geniale dispositivo di elettrobiografia, il BioWell, racconta che nella metà degli anni ’70, quando era ancora un giovane fisico ricercatore, partecipò alle ricerche sulla fotografia kirlian, si appassionò tantissimo, e da allora ha passato la sua vita a fare ricerche e sviluppare dispositivi sempre più sofisticati.
Definisce ormai la camera kirlian, paragonata al suo dispositivo BioWell,  come “una bicicletta paragonata ad una mercedes”.
Dice il ricercatore: “Uno dei più grandi benefici da sottolineare [rispetto alla camera kirlian] è la possibilità di ottenere perfino risultati in tempo reale di terapie prescritte per patologie come il cancro, per determinare quale terapia è la più appropriata per il paziente. Questo permette ai ricercatori e ai pazienti di individuare gli squilibri che possono influenzare il benessere individuale, e facilitare incredibilmente la diagnosi della causa di qualsiasi squilibrio presente, mostrando l’area del corpo e il sistema di organi coinvolto. Le incredibili implicazioni per diagnosi e terapie di particolari condizioni fisiche, emozionali, mentali e spirituali con applicazioni in medicina, psicologia, terapia del suono, biofisica, genetica, scienze forensi, agricoltura ed ecologia – per citarne alcune – sono appena agli albori.”

In Russia e Bielorussia, è certificato come uno strumento medico, e sempre più professionisti e cliniche ospedaliere la stanno utilizzando quotidianamente. Adesso viene utilizzato da più di quaranta paesi, per ricerche e per analizzare il campo energetico dei pazienti.”

E’ importantissimo sapere che questi progressi non sono il risultato dell’opera di un particolare team in Russia. Bensì, è stato possibile grazie al contributo di molte persone di diverse nazionalità, centri di ricerca, e laboratori.”

Noi adesso stiamo preparando delle linee di ricerca in varie università con grandi supporti da parte dell’Istituto Nazionale della Sanità degli Stati Uniti. Con la speranza che tutto questo crei un nuovo scenario di consapevolezza che la nostra vita non è solo fisica – ma bensì coinvolge energie, campi, spiriti, che comprendono ogni cosa: Materia, Mente e Spirito.

Il professor Konstantin Korotkov  è:
• Vice Direttore del San Pietroburgo Istituto federale di ricerca di Cultura Fisica.
• Professore di Informatica e Biofisica a Saint-Petersburg Università Federale di tecnologie informatiche, Meccanica e Ottica.
• Professore di Ricerca in San Pietroburgo Accademia di Cultura Fisica.
• Presidente dell’Unione Internazionale per la Medicina e Applicata Bioelectrography.
• Consulente per Aveda Co (Stati Uniti d’America).
• Membro del Comitato di redazione: «Journal of medicina alternativa e complementare», «Journal of Science of Healing Outcomes”.

Ha pubblicato più di 200 articoli sulle principali riviste di fisica e biologia, e detiene 17 brevetti su invenzioni di biofisica. Il Prof. Korotkov ha condotto una carriera di ricerca per oltre 30 anni, che unisce rigoroso metodo scientifico con curiosità insaziabile di cose dello spirito e dell’anima, con profondo rispetto per ogni forma di vita. Egli è anche uno studioso di filosofia e un serio alpinista di 25 anni di esperienza. Ha tenuto lezioni, seminari e sessioni di formazione in 43 paesi, presentando i documenti a workshop e a più di 100 congressi nazionali ed internazionali.

Egli è autore di 13 libri; La maggior parte di essi sono stati tradotti in inglese, francese, tedesco, italiano e spagnolo.
Al V Congresso della  International Union of Medical and Applied Bioelectrography  (IUMAB) a Curitiba, Brasile, nel 2001, il Dr. Korotkov è stato eletto  Presidente della IUMAB da parte dei ricercatori più importanti del mondo. E ‘stato rieletto come presidente nel 2005 e nel 2010. E’ membro del Consiglio Scientifico dell’Università Federale sulle nuove tecnologie mediche, Membro del Consiglio della Società Europea di Medicina Predittiva (Francia) scientifica e del Comitato di Redazione della «Journal of medicina alternativa e complementare»  (USA).

La sua linea scientifica, nota come  Electrophotonics Imaging, che si basa sulla tecnica di visualizzazione della scarica di gas (GDV), è un passo avanti oltre la fotografia Kirlian per la visualizzazione diretta dei campi di energia umani. Questa nuova tecnologia permette di catturare da una telecamera speciale l’energia fisica, emozionale, mentale e spirituale che emana da e verso un individuo, piante, liquidi, polveri, oggetti inanimati, e tradurre le informazioni in un modello computerizzato. In questo modo il ricercatore e il cliente possono vedere eventuali squilibri che influenzano il benessere,  e la zona del corpo e i sistemi e organi coinvolti, facilitando notevolmente la diagnosi della causa dei malesseri. Uno dei maggiori vantaggi fino ad oggi è la capacità di testare in “tempo reale” una varietà di trattamenti (compresi quelli per il cancro) per determinare qual è il più adatto per il cliente.

Le implicazioni incredibili per la diagnosi e il trattamento di condizioni fisiche, emotive, mentali e spirituali con applicazioni in medicina, psicologia, terapia del suono, biofisica, genetica, scienza forense, agricoltura, ecologia, ecc sono appena iniziate.

La tecnica GDV/ EPC  è accettata dal ministero russo della Sanità come tecnologia medica e certificata in Europa. Più di 1000 medici, professionisti e ricercatori beneficiano di questa tecnologia in tutto il mondo. Più di 150 articoli sono pubblicati su GDV nei diversi paesi.

Da 20 anni in Russia,a San Pietroburgo, si tengono conferenze scientifiche a cui partecipano scienziati di 68 paesi.

BioWell
BioWell

 

Fields marked with an * are required
Precedente BioWell: valutazione dello squilibrio neuro-vegetativo Successivo BioWell: integrazione tra medicina occidentale e MTC