Bio Well: come nasce

Dal libro di Lynne Mc Taggart: “La scienza dell’intenzione”

Nel 1976 Konstantin Korotkov ha 24 anni. Si lancia da un tetto sopra un mucchio di neve, ma sotto c’è una pietra, si rompe una gamba  e passa diverso tempo in ospedale.
Il prof. K. Korotkov insegna già fisica all’Università statale di San Pietroburgo. Durante la degenza in ospedale riflette su una conferenza a cui aveva da poco assistito sugli effetti Kirlian. Era rimasto così affascinato che si chiedeva se non si potesse migliorare la cattura su pellicola dell’energia vitale di una persona.

Semyon Kirlian era un ingegnere elettronico. Nel 1939 scoprì che quando un oggetto conduttivo viene posto su una lastra di materiale isolante come il vetro ed esposto ad una corrente elettrica ad alto voltaggio e alta frequenza, ne risulta una debole corrente che crea una scarica (effetto corona) attorno all’oggetto. L’immagine può essere catturata con una pellicola.
Kirlian sosteneva che lo stato dell'”aura” riflettesse lo stato di salute della persona, e diventò famoso intorno agli anni sessanta, quando in Russia si scoprì la “Bioelettrografia” e la camera Kirlian interessò anche la ricerca spaziale.

K. Korotkov dedica tutta la vita alla fotografia Kirlian e sviluppa un sistema con l’utilizzo della tecnologia ottica più avanzata, che chiama GDV. (approfondimenti)
Scrive libri e articoli e coinvolge il ministro della Sanità Russa.
All’inizio il suo dispositivo viene impiegato per valutare alcuni problemi clinici, come l’andamento post-chirurgico dei pazienti operati. Presto si diffonde come strumento diagnostico in diverse aree, compresi cancro e stress, e viene utilizzato anche per valutare il potenziale atletico, per prevedere le riserve psicofisiche degli atleti ai giochi olimpici.

Alla fine migliaia di ricercatori e professionisti in tutto il mondo utilizzano questa tecnologia, e l’Istituto Nazionale di Salute Russo finanzia i lavori sul Biocampo che fanno uso del dispositivo di K. Korotkov.

Nel frattempo gli studi di Korotkov e del suo team mondiale sono continuati anche per quanto riguarda la connessione tra biocampo e coscienza. Esplora il biocampo dei guaritori e dei maestri di QiGong mentre inviano energia, esplora gli effetti dei pensieri di un individuo sulle persone che lo circondano, studia gli effetti delle emozioni forte (amore, odio, rabbia).

Una quarantina di anni dopo che Backster aveva impiegato la macchina della verità per studiare gli effetti dei pensieri sulle piante, K. Korotkov fa una verifica con il suo dispositivo: ogni volta che un partecipante all’esperimento minaccia mentalmente la pianta, il campo energetico della pianta diminuisce; il contrario avviene se la persona si avvicina con sentimenti di amore.

Le conoscenza scientifiche più avanzate e la ricerca sistematica di F. A. Popp e K. Korotkov sulla natura delle emissioni luminose degli organismi viventi, dà un senso anche alle scoperte di Backster: se i pensieri sono un flusso di fotoni è perfettamente plausibile che una pianta possa captarne i segnali ed esserne influenzata.

Il lavoro di K. Korotkov, Backster, F. A. Popp suggerisce qualcosa di profondo sull’effetto dell’intenzione: ogni pensiero sembra aumentare o diminuire la luce di un altro organismo.

Oggi il sistema GDV di K. Korotkov viene applicato come metodo scientifico in tutto il mondo, in medicina, psicologia, negli studi della coscienza, nello sport, negli studi sull’acqua e sull’ambiente.

Lo strumento ha superato rigorosi test clinici nelle principali istituzioni scientifiche russe, tanto da essere attualmente certificato dal Ministero Russo della  Sanità come strumento medico.
Il National Institute for Healt degli Stati Uniti ha condotto diversi progetti di ricerca, e sono state presentate più di 20 tesi di laurea in Russia e in USA.

Attualmente il Ministero Russo dello Sport ha approvato la tecnica di diagnosi tramite la bioelettrografia EPI nella preparazione degli atleti nelle competizioni sportive ad alto livello: si può determinare se l’atleta è “bravo” e anche se è pronto o meno al momento della competizione , e anche quali sono i suoi punti deboli.

Oggi la bioelettrografia Bio Well è conosciuta in tutto il mondo, e attraverso strumenti con sistemi unificati i dati scientifici vengono inviati, e continuamente aggiornati, a 4 centri chiave:
In Colorado (USA), ad HongKong (Cina), a san Pietroburgo (Russia), e in Estonia (Europa)
Vengono poi inviati ad un server dedicato in modo che tutti gli operatori possano operare sulle stesse basi scientifiche e che i dati possano essere comparati.

 

 

Fields marked with an * are required
Precedente EFT: la tecnica più straordinaria per la nostra libertà emozionale Successivo Ipnosi e meditazione